Ue, verso il limite di 8 ore nel trasporto di animali vivi

1

Helpconsumatori.it
La Commissione ENVI Ambiente, salute pubblica e sicurezza alimentare del Parlamento europeo ha approvato a larga maggioranza una relazione che chiede l’introduzione del limite massimo di 8 ore nel trasporto di animali vivi destinati alla macellazione in tutta Europa. Se approvata in via definitiva, la norma costituirebbe un netto miglioramento delle condizioni di vita degli animali e modificherebbe considerevolmente l’intero settore dell’allevamento europeo. Parte dell’industria di settore italiana teme ripercussioni sulla propria attività. Festeggiano gli animalisti.
La Commissione ENVI approva il limite delle 8 ore, ma non è ancora legge. La Commissione Ambiente ha approvato la relazione di progetto di parere della deputata olandese della sinistra nordica Kartika Tamara Liotard dove viene introdotto il limite delle 8 ore nel trasporto di animali vivi. Il limite si applica a tutti i capi d’allevamento (bovini, ovini, suini, caprini e volatili) trasportati oggi anche per migliaia di chilometri in tutta Europa. L’obiettivo è assicurare agli animali destinati alla macellazione meno sofferenze durante il trasporto e condizioni migliori di quelle attuali, per esempio sull’abbeveraggio, l’aerazione dei veicoli e lo spazio minimo. La relazione approvata è destinata alla commissione Agricoltura e sviluppo rurale, la commissione competente in materia (la ENVI lo è solo per parere) che dovrà approvare una relazione finale di iniziativa sull’impatto del Regolamento europeo sulla protezione degli animali durante il trasporto (CE n. 1/2005).

La campagna internazionale 8hours aveva raccolto un milione di firme in tutta Europa. All’origine del limite sulle 8 ore, c’è una campagna internazionale lanciata dalla Ong animalista Animals’ Angel secondo quanto raccomandato nel 2002 dal Comitato scientifico per la salute e il benessere degli animali della stessa Commissione Europea. Nel rapporto “The Welfare of animals during transport” si legge: “I trasporti di animali vivi dovrebbero essere i più brevi possibile”. La legislazione Ue prevede infatti trasporti anche di parecchi giorni con pause cicliche e alcune semplici misure riguardanti il riposo, l´alimentazione e l’abbeveraggio degli animali. Ma gli animalisti denunciano che troppo spesso queste misure vengono ignorate. All’interno della campagna internazionale 8hours sono state raccolte oltre 1 milione di firme per chiedere all’Ue un impegno in tal senso.

Un pericolo per il settore delle carni suine italiane. Secondo l’Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi ASSICA se approvato in via definitiva, il mite delle 8 ore potrebbe danneggiare l’intero settore della trasformazione e della macellazione delle carni suine. Secondo l’associazione, tale disposizione avrebbe come effetto quello di indebolire gravemente l’Industria italiana (e quella di altri Paesi del Sud Europa) di macellazione e di trasformazione, in particolare quella del centro-sud, a favore di quella dei Paesi nordici. L’industria italiana, infatti, attualmente importa suini vivi dai Paesi del centro-nord Europa, come nel caso dei maialini importati da Danimarca e Olanda.

Ripercussioni sul settore dell’allevamento e della macellazione delle carni? Il limite di otto ore obbligherebbe i produttori di carni a utilizzare esclusivamente animali allevati in un raggio geografico limitato che non ecceda appunto le otto ore di trasporto. Alcuni esempi classici di trasporto animale che verrebbero ridimensionati drasticamente sono i suini importati dal nord Europa verso il sud e gli ovini che partono dalla Spagna.

Prossimi passi. La relazione approvata dalla commissione Ambiente, verrà adesso votata dalla commissione Agricoltura per poi essere votata dall’intero Parlamento europeo in sessione plenaria. Il testo finale arriverà alla Commissione europea che potrebbe tenerne conto per eventuali modifiche al Regolamento  CE n. 1/2005.

Discussion1 Comment

  1. non sono d’accordo limitare trasporto bestiame ad 8 ore gia il decreto 1/2005
    fatto male purtroppo le lamentere degli animalisti mandano in onda da 20 anni sempre le stesse foto di animali la loro segnalazione viene presa in
    considerazione.

Leave A Reply