Ridurre i gas fluorurati negli elettrodomestici per proteggere il clima

0

Helpconsumatori
La Commissione europea ha presentato oggi una proposta di regolamento per ridurre in misura significativa le emissioni di gas fluorurati (gas ad effetto serra contenuti negli elettrodomestici e in alcuni prodotti ad uso commerciale standard). Il regolamento proposto mira a ridurre di due terzi l’attuale livello di emissioni di gas fluorurati entro il 2030 e vieta l’uso di questi gas in determinati tipi di apparecchi nuovi, come i frigoriferi, per i quali sono già disponibili soluzioni alternative fattibili e maggiormente rispettose del clima.
I gas fluorurati sono presenti negli elettrodomestici. Si tratta di gas (tecnicamente idrofluorocarburi HFC, esafluoro di zolfo SF6, perfluorocarburi PFC, clorofluorocarburi CFC) comunemente usati negli impianti di refrigerazione e di aria condizionata, in apparecchiature elettriche, schiume isolanti, spray aerosol ed estintori, fuoriescono nell’atmosfera dagli impianti di produzione e dalle apparecchiature che li contengono, sia quando sono usate che quando sono gettate via a fine ciclo.

Tra i principali responsabili dell’effetto serra globale. Dal 1990 a oggi le emissioni di questi gas, il cui concorso al riscaldamento globale è fino a 23.000 volte maggiore della CO2, sono aumentate del 60%, mentre quelle di tutti gli altri gas serra sono diminuite.

Un passo avanti in merito al Protocollo di Montreal. La proposta odierna prevede la graduale eliminazione, a partire dal 2015, del gruppo più importante di gas fluorurati, gli idrofluorocarburi (HFC), limitandone la quantità che può essere venduta nell’Ue e riducendola via via a un quinto delle vendite attuali entro il 2030. La misura proposta anticipa e agevola l’accordo per l’eliminazione su scala mondiale del consumo e della produzione di HFC, che costituisce il tema della XXIV riunione delle Parti del Protocollo di Montreal che si terrà nel corso di questo mese.

Connie Hedegaard: “Benefici per il clima e opportunità imprenditoriali”. La Commissaria responsabile per l’Azione per il clima, ha dichiarato: “Limitando la quantità di gas fluorurati che può essere venduta nell’UE, la nuova legislazione porterà benefici per il clima e creerà enormi opportunità imprenditoriali. Grazie alla legislazione vigente siamo già riusciti ad arrestare la tendenza al costante aumento delle emissioni e a promuovere l’innovazione tecnologica. La possibilità ormai concreta di fabbricare prodotti più rispettosi del clima rappresenta un nuovo passo avanti sulla strada della riduzione delle emissioni di fluorurati in maniera economicamente efficiente.

Tabella di marcia Ue verso un’economia a basse emissioni di carbonio. Questa proposta della Commissione europea fa parte della tabella di marcia Ue che mira alla riduzione di emissioni necessaria per limitare il riscaldamento climatico a 2°C in più rispetto al periodo preindustriale. Tutti i settori e tutti i gas serra devono contribuire a raggiungere quest’obiettivo. Questa tabella di marcia prevede una riduzione delle emissioni di oltre il 70% entro il 2030 per il comparto industriale, che include proprio i gas fluorurati.

Leave A Reply